Paola-Dardo

Paola Dardo

Paola Dardo nata a Milano, disegno da quando ricordo di tenere la matita in mano. Ma solo a trent’anni frequento l’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria. E inizio a dipingere, volti di donna, me stessa.
Mi perdo nel colore, divento un tutt’uno con la tela e mi sento viva.
E’ il mio modo di esprimermi, il mio linguaggio.
La tela, la carta, il legno diventano l’universo sul quale riversare l’altalena delle mie emozioni.
Condividere il mio dolore, i passaggi della mia vita, il mio essere donna.
Dipingere è una necessità, un modo di essere. E’ l’anima che prende forma attraverso il colore.
Dare un senso. Costruire un tassello del puzzle che ci farà, un giorno, intravedere il disegno nel suo intero.
E quello che più mi sconvolge e mi entusiasma al medesimo tempo, è che quel disegno cambia forma di attimo in attimo. Perché segue il filo invisibile dell’emotività di chi sta cercando di metterlo a fuoco.
Quello che faccio è pescare nelle mie emozioni e attraverso il mio linguaggio, nella sua unicità, trasferire tutto nella tela. Per poi fare un passo indietro e, a tela finita, stupirmi nel guardare cosa veramente volevo dire.
Ho partecipato negli anni a diverse collettive.
Tra le fiere d’arte ho partecipato a Vernice Art Fair di Forlì e il Contemporary Art Talent Show di Padova.
Policentrismo dell’Arte Mostra d’Arte Contemporanea Maggio 2019
Attualmente le mie opere sono in esposizione permanente presso PassepARTout Unconvenional Gallery.

Il taglio
tecnica mista su tela
Il puzzle
tecnica mista su tela 50x70 cm
La morte
tecnica mista su legno 60x80 cm
La stella
tecnica mista su tela 50x70 cm