Ivano-Domenico-Felaco.

Ivano Domenico Felaco

Ivano Domenico Felaco nasce nel 76 a Calvizzano, un paese della provincia di Napoli, dove lavora da oltre 20 anni come tatuatole nel suo studio “Amon Ra Tattoo”. La passione per il realismo e per la sua città lo portano allo studio dell’arte del 600 e della pittura ad olio. Quest’ultima, che dal principio era un mezzo di ricerca col fine di migliorare il suo lavoro da tatuatore, diviene la sua massima ambizione del 2011, anno in cui conosce la sua maestra Francesca Strino. Grazie a lei approfondisce la tecnica pittorica.
Domenico Ivano Felaco oltre alla specializzazione in illustrazione all’accademia di arti figurative diNapoli, dove approfondisce regole di anatomia e prospettiva seguendo lezioni con rinomati illustratori del panorama mondiale come Federici, Fiorentino e Vignes, approfondisce gli studi conaffermati maestri contemporanei di arte figurativa sotto citati.
Nelle chiese e nei musei, approfondisce studi personali partendo da Caravaggio e proseguendo man mano a tutta la corrente artistica che viene influenzata dalla tecnica pionieristica del maestrolombardo dal periodo delle grandi commissioni in avanti.
La tecnica è oggi nominata PITTURA AL RISPARMIO.
Una scelta stilistica ragionata dal maestro per via dei suoi gusti personali? per le esigenze a cui la sua vita da fuggitivo lo costringeva? Non se ne ha la certezza, ma questo meraviglioso metodo ispirerà una corrente pittorica oltre le alpi, formando a mio personale giudizio, l’apice espressiva dell’arte. Il mio stile cerca di dare un seguito a questo metodo esercitando ricerche sulla tecnica che prevede uno studio della luce, la quale sottolinea gli incarnati fatti di terre con una tavolozza molto scarna, lasciando sottolineare i volumi da contrasti forti, costituiti da ombre che altro non sono, che la preparazione di fondo. Un’esecuzione che a parer mio è più vicina alla tecnica dell’acquerello che alla pittura accademica.
La mia poetica, è un’analitica osservazione che ha l’intento di cogliere ed esprimersi attraverso il linguaggio del corpo raccontando le piaghe società contemporanea, con dei temi che si rifanno alla mitologia. Questo vorrebbe verificare che i tempi cambiano ma i mali purtroppo restano.

Apocalisse
olio su tela 180x280 cm
Superbia
olio su tela 140x200 cm
Odio su tela
olio su tela 140x200 cm
Narciso
olio su tela 80x140 cm
Lussuria
olio su tela 100x200 cm
La morte del diritto
olio su tela 175x255 cm
Imbarazzo
olio su tela 140x200 cm
Giove bambino
olio su tela 60x120 cm
Avarizia
olio su tela 100x200 cm